Gestione Manutenzione Caldaie 3.0 - Software per Microsoft Windows


Software che fornisce ai tecnici manutentori di impianti termici e agli installatori termoidraulici tutto l'occorrente per organizzare i lavori di installazione, revisione e riparazione delle caldaie. Compilazione e stampa del Rapporto di Controllo Tecnico (Allegato F e Allegato G) emesso al termine degli interventi di controllo e manutenzione degli impianti termici. Stampa ottimizzata per l'apposizione del bollino verde sull'Allegato G. Scadenzario per gestire le verifiche periodiche per il controllo dei fumi, la pulizia della caldaia e la manutenzione ordinaria e straordinaria. Archiviazione e stampa delle Dichiarazioni di conformità dell'impianto alla regola dell'arte.


DOWNLOAD SOFTWARE



Importante: Se hai Windows 8, in fase di installazione apparirà l'avviso PC protetto da Windows. E' necessario fare clic sulla scritta Ulteriori informazioni e successivamente sul pulsante Esegui comunque.

Gestione Manutenzione Caldaie 3.0 - Software per il controllo e la manutenzione degli impianti termici.


Gestione Manutenzione Caldaie 3.0 è un software facile e intuitivo che fornisce ai tecnici manutentori di impianti termici e agli installatori termoidraulici tutto l'occorrente per organizzare i lavori di installazione, revisione e riparazione delle caldaie. Il programma permette di archiviare i dati anagrafici dei clienti e dei fornitori, le schede tecniche delle caldaie su cui si effettuano le operazioni di controllo e di manutenzione, i pezzi di ricambio di cui il proprio il magazzino dispone. L'applicazione consente anche di compilare e stampare il Rapporto di Controllo Tecnico (Allegato F e Allegato G) che costituisce la scheda di lavoro emessa al termine di ogni intervento di controllo e manutenzione degli impianti termici. Gestione Manutenzione Caldaie permette, infine, di tenere sotto controllo scadenze e appuntamenti, stampare le Dichiarazioni di conformità dell'impianto alla regola dell'arte e di emettere ordini di acquisto per i propri fornitori nonché preventivi, ricevute o fatture da rilasciare ai clienti per gli interventi eseguiti.

Novità: Gestione Manutenzione Caldaie 3.0 permette di stampare l'Allegato G con lo spazio riservato al bollino verde, ossia all'etichetta adesiva che il manutentore, dopo aver controllato l'impianto, deve apporre sul rapporto di controllo tecnico, normalmente in triplice copia, prima di trasmettere l'Allegato G all'organismo affidatario comunale.

Il listino caldaie, utile soprattutto se la propria ditta vende tali apparecchi, è un archivio in cui registrare le caratteristiche tecniche degli impianti termici su cui normalmente si effettuano le operazioni di controllo e di manutenzione. I dati presenti nel listino caldaie potranno essere importati nelle schede dei clienti per velocizzarne la compilazione. Nel listino è possibile memorizzare la marca e il modello della caldaia, le sue dimensioni, il tipo di combustibile utilizzato, il tipo di camera (aperta o stagna), il fluido termovettore (acqua o aria), il tipo di bruciatore (atmosferico o soffiato), il tipo di tiraggio (forzato o naturale), la portata massima di acqua calda (litri al minuto), la classe di appartenenza per le basse emissioni inquinanti, la potenza termica del focolare nominale, la potenza termica utile nominale, il rendimento termico utile nominale, la temperatura di riscaldamento, la potenza elettrica assorbita, il tipo di termostato aria-ambiente, la tipologia di timer, cronotermostato, regolatore climatico e valvole termostatiche, le altre caratteristiche tecniche, i dettagli della garanzia, le modalità di trasporto, consegna e installazione, il prezzo della caldaia, i dati del fornitore con i relativi recapiti telefonici, l'indirizzo del sito Internet della ditta costruttrice della caldaia, qualsiasi annotazione aggiuntiva.

Il programma consente di allegare a ciascuna scheda una cartella e file di qualsiasi genere che potrebbero contenere, ad esempio, materiale informativo o pubblicitario riferito alla caldaia descritta.

La scheda della caldaia può essere corredata di una foto in formato Jpeg che viene ridotta in scala in automatico per adeguarsi alle dimensioni del riquadro di anteprima. E' comunque possibile visualizzare l'immagine nelle sue dimensioni reali a tutto schermo facendo clic su un'apposita icona. La funzione Slideshow consente di visualizzare le foto delle caldaie in sequenza a tutto schermo da mostrare in vetrina per attirare l'attenzione dei passanti anche quando il proprio esercizio commerciale è chiuso. Durante la presentazione delle immagini, in cima alla foto di ciascuna caldaia appare il suo codice affinché il cliente possa prenderne nota e comunicarlo al personale della ditta per avere maggiori informazioni.

La funzione Visualizzatore foto permette di sfogliare le immagini delle caldaie usando apposite frecce che consentono di mostrare la foto successiva o precedente a quella corrente, oppure la prima o l'ultima foto in archivio. Ogni foto è accompagnata dal codice della caldaia mostrato in cima e dalla didascalia in calce. Anche in questo ambiente è possibile visualizzare le foto a tutto schermo attraverso l'icona dello zoom. Il Visualizzatore foto può essere sfruttato come listino elettronico per mostrare ai clienti i diversi modelli delle caldaie in vendita.

L'ambiente Schede di lavoro è studiato per l'emissione del Rapporto di Controllo Tecnico, ossia dell'Allegato F e dell'Allegato G previsti dal D.Lgs. 192/2005, obbligatorio per gli impianti di portata termica nominale del focolare uguali o superiori a 35 kW (Allegato F) e per gli impianti termici di potenza inferiore ai 35 kW e superiore o uguale ai 4 kW (Allegato G), che deve essere compilato al termine delle operazioni di controllo e manutenzione dell'impianto e in occasione di interventi manutentivi al di fuori delle verifiche periodiche delle caldaie.

Lo stesso ambiente mette a disposizione un'applicazione per l'emissione della Dichiarazione di conformità degli impianti alla regola dell'arte ai sensi del Decreto Ministeriale 19 maggio 2010 che modifica gli allegati al Decreto 22 gennaio 2008, n. 37, concernente il regolamento in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici. Come è noto, con tale documento il titolare o legale rappresentante dell'impresa esecutrice dell'impianto dichiara, sotto la propria responsabilità, che lo stesso è stato realizzato a regola d'arte tenuto conto delle condizioni di esercizio e degli usi a cui è destinato l'edificio.

Le informazioni presenti nella scheda di lavoro sono quelle previste dall'Allegato F e dall'Allegato G al D.Lgs. 192/2005 e successive modifiche, che prevede la compilazione del Rapporto di Controllo Tecnico per le finalità specifiche dell'Ente pubblico che effettuerà le verifiche sugli impianti termici. Si ricorda che i controlli di cui all'Allegato G devono essere effettuati almeno una volta l'anno, mentre il controllo di efficienza energetica di cui all'Allegato F per gli impianti di portata termica nominale del focolare uguali o superiori a 35 kW deve essere effettuato almeno con le seguenti scadenze temporali: una volta l'anno per gli impianti termici di portata termica al focolare uguale o superiore a 35 kW ed inferiore a 350kW; due volte l'anno per gli impianti termici di portata termica al focolare uguale o superiore a 350kW. Il secondo controllo preferibilmente a metà del periodo di esercizio dell'impianto.

Il Rapporto di Controllo Tecnico è una sorta di abilitazione al funzionamento in sicurezza dell'impianto. L'apposizione di note negli spazi destinati alle osservazioni, raccomandazioni e prescrizioni deve essere eseguita con estrema cura dal manutentore ed in modo assolutamente chiaro al fine di far comprendere all'occupante se l'apparecchio può o meno essere fatto funzionare in sicurezza.

Inoltre l'apposizione del maggior numero di indicazioni mette al riparo da eventuali responsabilità del manutentore. Lo scopo principale deve però essere quello di far comprendere all'utente le condizioni di efficienza e sicurezza dell'impianto stesso.

Nell'intestazione della scheda di lavoro deve essere indicata la data in cui è stato effettuato il controllo, l'esatta ubicazione dell'immobile dove è installato l'impianto termico, il nome e l'indirizzo del responsabile dell'impianto e del proprietario (che può essere diverso dal responsabile dell'impianto). I calce al Rapporto di Controllo Tecnico sono riportati i dati del tecnico che ha effettuato il controllo (comprensivi degli estremi del documento di qualifica), l'orario di arrivo presso l'impianto e quello di partenza dall'impianto.

Nella sezione dedicata all'identificazione dell'impianto va indicato il numero di matricola, il costruttore, la marca e il modello del generatore di calore, la tipologia della caldaia ("tipo B" o "tipo C" con cui si intende, rispettivamente, generatore a focolare aperto o chiuso, indipendentemente dal tipo di combustibile utilizzato), l'anno di costruzione della caldaia, il tipo di tiraggio (forzato o naturale, ovvero se l'impianto termico è dotato di un ventilatore nel circuito di combustione o meno), il combustibile utilizzato (gas di rete, GPL, gasolio, kerosene eccetera), l'anno di costruzione e la data di installazione della caldaia, la marcatura di efficienza energetica, la volumetria riscaldata, la destinazione d'uso della caldaia (riscaldamento, acqua calda sanitaria o entrambi), i consumi di combustibile in base alla stagione di riscaldamento, la potenza termica nominale utile del generatore di calore, il locale di installazione (all'esterno, in un locale abitato o in un locale tecnico).

Nella sezione relativa alla documentazione tecnica di corredo bisogna indicare se è stato possibile prendere visione della documentazione di conformità dell'impianto termico, del libretto di impianto e del libretto d'uso e manutenzione del generatore di calore.

La sezione riguardante l'esame visivo del locale di installazione serve a controllare l'idoneità o meno del locale dove è installata la caldaia, nonché a verificare il corretto posizionamento e dimensionamento delle aperture di ventilazione e se le stesse aperture sono libere da ostruzioni.

La sezione dedicata all'esame visivo dei canali da fumo è studiata per una verifica visiva dei condotti di evacuazione dei prodotti della combustione che tenga conto della pendenza del canale da fumo (la quale deve essere non inferiore al 3%), della sezione, delle curve e della lunghezza del canale da fumo, che devono essere conformi ai parametri previsti dalla normativa.

Nella sezione relativa al controllo di evacuazione dei prodotti della combustione bisogna riportare se il generatore di calore è dotato di un condotto per l'evacuazione dei prodotti della combustione che scarica direttamente a parete oppure scarica in un sistema fumario che può essere singolo o a canna fumaria collettiva ramificata. Inoltre, va indicato se esistono riflussi dei fumi nel locale dove è installato un apparecchio di tipo B o se vi sono perdite dai condotti di scarico degli apparecchi di tipo C. Se la caldaia è a tiraggio naturale va compilata solo la parte "non esistono riflussi"; se è a tiraggio forzato solo la parte “assenza di perdite".

Nella sezione riservata al controllo dell'apparecchio è necessario indicare l'esito dei controlli effettuati sui singoli componenti del generatore di calore. In particolare, bisogna segnalare se sono puliti gli ugelli del bruciatore principale e di quello pilota (se esiste); se il dispositivo rompitiraggio-antivento, presente nei generatori a camera aperta, è privo di evidenti segni di deterioramento; se lo scambiatore lato fumi è pulito; se è regolare o meno l'accensione e il funzionamento del generatore; se i dispositivi di comando e regolazione intervengono normalmente; se vi sono perdite o ossidazioni nelle tubazioni del fluido termovettore; se la valvola di sicurezza contro le sovrappressioni ha lo scarico libero o meno; se il vaso di espansione è precaricato correttamente; se sono stati manomessi i dispositivi di sicurezza del generatore; se tutti gli organi presenti nel circuito del fluido termovettore, e quindi soggetti a dilatazioni termiche, sono integri e comunque non deformati; se il circuito di adduzione dell'aria comburente è libero da ostruzioni o da impedimenti che ne impediscono il normale afflusso; se la guarnizione di accoppiamento al generatore è integra.

La sezione relativa al controllo dell'impianto è preposta a segnalare l'esito delle verifiche effettuate sull’impianto termico. In particolare, va indicato se è risultato positivo o negativo il controllo dell'assenza di fughe di gas nelle tubazioni e nei dispositivi asserviti all'impianto; lo stato delle coibentazioni visibili; l'esito della verifica di efficienza del circuito di evacuazione dei fumi della combustione (effettuata solo per gli apparecchi di tipo B).

Nella sezione riguardante il controllo del rendimento di combustione, bisogna indicare se tale controllo è stato effettuato o meno. Si ricorda che il controllo del rendimento di combustione deve essere effettuato con cadenza almeno biennale. Nella casella "Temperatura fumi" bisogna riportare la media delle tre misurazioni della temperatura dei fumi in °C. Nella casella "Temperatura ambiente" bisogna trascrivere la media delle tre misurazioni della temperatura dell'aria comburente. Nella casella "O2" occorre riportare la media delle tre misurazioni del tenore di ossigeno nei fumi in percentuale. La casella "CO2" serve a riportare la media delle tre misurazioni del tenore di anidride carbonica nei fumi in percentuale. Nella casella "Bacharach" vanno riportati tutti e tre i valori rilevati (sono sempre numeri interi) dell'indice di fumosità dei combustibili liquidi. Nella casella "CO" occorre riportare la media dei tre valori di CO per fumi secchi e senz'aria in ppm. Nella casella "Rendimento combustione" va indicato il valore medio del rendimento di combustione alla massima potenza termica del focolare effettiva. Nella casella "Tiraggio" bisogna indicare, per i soli generatori di tipo B, il valore del tiraggio espresso in Pascal (si ricorda che 100 Pascal equivalgono ad 1 mbar e che nel caso si tratti di un camino che lavora in depressione il risultato della misura avrà segno meno, ad esempio -0,03mbar). Se il controllo dei fumi non viene fatto durante la manutenzione annuale, è consigliabile inserire i valori di quello fatto l'anno precedente selezionando la voce "Non effettuato" e indicando la data dell'ultimo controllo fumi nel campo "Osservazioni".

Nello spazio riservato alle osservazioni deve essere indicata dal tecnico la causa di ogni dato negativo riscontrato e gli eventuali interventi manutentivi effettuati per risolvere il problema. Nello spazio per le raccomandazioni devono essere fornite dal tecnico le raccomandazioni ritenute opportune in merito ad eventuali carenze rilevanti riscontrate e non eliminate, tali da compromettere le prestazioni dell'impianto, ma non la sicurezza delle persone, degli animali domestici e dei beni. Il tecnico indica, pertanto, che l'impianto può continuare a funzionare, ma che le carenze riscontrate devono essere eliminate entro breve tempo. Nello spazio riservato alle prescrizioni il tecnico, avendo riscontrato anomalie non eliminabili tali da compromettere la sicurezza di funzionamento dell'impianto, dopo aver messo fuori servizio l'apparecchio e diffidato l'occupante dal suo utilizzo, indica le operazioni necessarie per il ripristino delle condizioni di sicurezza. Appare chiaro che il tecnico non ha il potere di sigillare l'apparecchio, ma ha il dovere di spiegare dettagliatamente all'occupante e riportare per iscritto che l'apparecchio non è sicuro e quali interventi devono essere effettuati per eliminare le anormalità; qualunque uso dell'apparecchio prima dell'eliminazione delle anomalie riscontrate è effettuato dall'occupante dell'immobile a suo rischio e pericolo.

Il software permette di creare riepiloghi degli interventi tecnici utilizzando più criteri di ricerca contemporaneamente. Ad esempio, è possibile ottenere il riepilogo degli interventi eseguiti in uno specifico giorno o mese dell'anno, a favore di un determinato cliente, su una precisa caldaia, e così via. La stampa del Rapporto di Controllo Tecnico consente di ottenere su carta sia il testo dell'Allegato F o dell'Allegato G sia il testo delle Avvertenze per il tecnico e per il responsabile di impianto sul retro dello stesso foglio in formato A4.

Il Rapporto di Controllo Tecnico deve essere firmato dal tecnico che ha effettuato la manutenzione e dal responsabile dell'impianto per presa visione. Ecco, di seguito, un esempio di stampa senza spazio per il bollino verde dell'Allegato G che si ottiene con Gestione Manutenzione Caldaie (i dati inseriti sono inventati). Si ricorda che è anche possibile stampare l'Allegato G con lo spazio riservato all'apposizione del bollino verde.

L'ambiente Schede di Lavoro mette a disposizione la Dichiarazione di conformità degli impianti alla regola dell'arte ai sensi del Decreto Ministeriale 19 maggio 2010 che modifica gli allegati al Decreto 22 gennaio 2008, n. 37, concernente il regolamento in materia di attività di installazione degli impianti all'interno degli edifici. Gestione Manutenzione Caldaie consente di archiviare tutte le Dichiarazioni di conformità che sono state rilasciate dalla propria impresa e di stampare in pochi secondi sia il fronte sia il retro dello stesso documento. Il testo della Dichiarazione può essere personalizzato prima di eseguire la stampa su carta.

Il magazzino dei materiali permette di gestire in un'unica schermata i dati più importanti relativi a ciascun articolo di cui il proprio magazzino dispone. L'operazione di archiviazione dei dati è utile sia per tenere traccia di ogni indicazione inerente ai pezzi di ricambio e al loro acquisto, sia per la compilazione degli ordini di acquisto, preventivi, ricevute o fatture.

La scheda del magazzino dei materiali permette di annotare il codice e la tipologia dell'articolo, la marca, il modello e gli accessori, una descrizione sintetica dell'articolo, i dati del fornitore da cui si è acquistato il materiale, il prezzo al pubblico, la collocazione dell'articolo sugli scaffali del proprio magazzino, la giacenza di cui si dispone al momento indicando un numero di pezzi minimo oltre il quale si desidera essere avvisati per effettuare un nuovo ordinativo. Il codice dell'articolo, la sua descrizione e il prezzo al pubblico sono dati che possono essere importati quando si redige un ordine di acquisto, un preventivo, una ricevuta o una fattura per velocizzarne la compilazione.

Alla scheda di ciascun articolo è possibile allegare file esterni di qualsiasi genere che potrebbero contenere, ad esempio, una sua foto o la documentazione tecnica relativa al pezzo di ricambio descritto. Anche in questo ambiente si ha la possibilità di associare una cartella ad ogni scheda la quale può contenere un numero illimitato di file. Il pulsante Sottoscorta permette di visualizzare l'elenco del materiale in esaurimento, mentre la funzione Cerca sul Web consente di reperire su Internet, tramite il motore di ricerca di Google, informazioni relative all'articolo descritto nella scheda corrente.

L'archivio clienti è una rubrica anagrafica che consente di registrare i dati personali dei propri clienti e le informazioni tecniche relative alle loro caldaie per poterli poi importare quando si archiviano le schede degli interventi e degli appuntamenti o quando si emettono preventivi, ricevute o fatture. Apposite icone consentono di passare dalla schermata relativa all'anagrafica del cliente a quella relativa alle informazioni tecniche sulla caldaia e viceversa. L'utente può allegare alla scheda di ciascun cliente una cartella e file di ogni genere che potrebbero contenere, ad esempio, una copia acquisita allo scanner del libretto d'impianto.

L'applicativo permette di inviare un messaggio e-mail al cliente selezionato lanciando automaticamente il software predefinito per la gestione della posta elettronica con la comodità di trovare già trascritto l'indirizzo e-mail nella relativa casella. I campi relativi ai numeri di partita IVA, codice fiscale, carta di credito e codice IBAN sono affiancati da pulsanti che consentono di controllare la validità dei dati inseriti. Una finestra di messaggio ci informerà sull'esito della verifica. Se il numero di partita IVA è esatto, ci verrà anche fornito l'indicazione dell'Ufficio provinciale che lo ha rilasciato.

E' importante compilare l'archivio anagrafico dei clienti con molta cura dal momento che ciò consentirà di velocizzare notevolmente la compilazione dei documenti fiscali e dei Rapporti di Controllo Tecnico (Allegato G). La parte relativa alle caratteristiche della caldaia del cliente contiene un gran numero di informazioni da inserire anche nel Rapporto di Controllo Tecnico per cui gli stessi dati potranno essere richiamati nella scheda lavoro con pochi clic del mouse.

L'archivio dei clienti e delle caldaie dispone di un'avanzata funzione di ricerca funzionante anche con chiave parziale, ossia inserendo una o più parole contenute in uno o più campi funzionanti come filtri di ricerca.

L'anagrafica dei fornitori è un ambiente in cui registrare il cognome e il nome o la ragione sociale di ogni fornitore di caldaie o pezzi di ricambio che collabora con la propria ditta, l'indirizzo di residenza, il codice fiscale, la partita IVA, il numero di carta di credito, l'IBAN bancario, i recapiti telefonici di un contatto, il numero di fax e l'indirizzo di posta elettronica. E' anche possibile elencare gli articoli abitualmente forniti, informazioni sui pagamenti, sugli eventuali sconti applicati, sul trasporto della merce e sui vettori utilizzati. I dati dei fornitori potranno essere importati in fase di compilazione degli ordini di acquisto emessi dalla propria ditta.

L'ambiente Scadenzario e appuntamenti consente di tenere sotto controllo scadenze e appuntamenti giornalieri, mensili o annuali presi con i propri clienti o fornitori e di essere avvertiti al sopraggiungere della data. Le scadenze da gestire potrebbero riguardare le verifiche periodiche per il controllo dei fumi e la pulizia della caldaia, gli interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria, un appuntamento preso per l'installazione di un impianto termico presso l'abitazione di un nuovo cliente e così via.

E' possibile registrare un numero infinito di appuntamenti per ciascun giorno. Gli appuntamenti inseriti potranno essere visualizzati in ordine cronologico in base alla data e all'ora oppure in ordine alfabetico in base al cognome e nome del cliente, al numero di matricola della caldaia o alla causale.

Per ogni scadenza o appuntamento è possibile stabilire con quanti giorni di anticipo si desidera essere avvisati. La presenza di appuntamenti imminenti viene segnalata sia in maniera visiva attraverso un messaggio informativo, sia in maniera sonora mediante un segnale acustico che si attiva automaticamente.

Per visualizzare l'elenco delle scadenze o appuntamenti imminenti, basta fare clic sulla relativa scritta. Il calendario permette, inoltre, di richiamare gli appuntamenti relativi al giorno o al mese selezionato. La visualizzazione degli appuntamenti in base alla data e all'ora avviene indipendentemente dall'ordine con cui l'utente li ha inseriti in archivio.

Le scadenze e gli appuntamenti possono essere descritti nei minimi dettagli indicando i dati e i recapiti del cliente e le caratteristiche della caldaia da riparare o revisionare. Appositi pulsanti permettono di indicare se l'appuntamento è stato confermato.

Nel programma è disponibile una funzione di ricerca avanzata che consente di creare riepiloghi degli appuntamenti utilizzando più criteri di ricerca contemporaneamente. E' possibile, ad esempio, visualizzare l'elenco degli appuntamenti che sono stati confermati, relativi ad un mese specifico, con riferimento ad un determinato cliente, eccetera.

Gestione Manutenzione Caldaie dispone di appositi ambienti di lavoro per la compilazione e la stampa (su carta o su file PDF) di ordini di acquisto, di preventivi, di ricevute e di fatture. La compilazione dei documenti è facilitata dalla possibilità di importare gli articoli presenti nel magazzino dei pezzi ricambi effettuando in automatico l'aggiornamento della giacenza. Anche i dati del cliente o del fornitore possono essere importati dai relativi archivi.

E' possibile utilizzare un logo personalizzato da far apparire negli ordini di acquisto, nei preventivi, nelle ricevute e nelle fatture e si può stabilire da che numero far partire la numerazione automatica dei documenti. Il calcolo del totale e dell'ammontare dell'IVA in base all'aliquota specificata è un'operazione effettuata automaticamente dal programma. Tutti gli importi sono calcolati in euro con supporto fino a quattro cifre dopo la virgola e arrotondamento del totale ai due centesimi.

L'applicativo dispone anche di appositi pulsanti che consentono di visualizzare e stampare il riepilogo mensile, trimestrale o annuale delle ricevute o fatture emesse.

La stampa degli ordini di acquisto, dei preventivi, delle ricevute e delle fatture riporta in calce la nota informativa sulla privacy (D.Lgs. 196/2003). Come previsto dalla stessa normativa. Inoltre, i documenti consentono di inserire per ciascun cliente sia la partita IVA sia il codice fiscale.

Gli archivi di Gestione Manutenzione Caldaie possono essere convertiti in un file di Microsoft Word oppure in un foglio di Microsoft Excel utilizzando una semplice funzione accessibile con pochi clic del mouse.

Il software è protetto da una password gestita dall'utente per impedire l'accesso al programma da parte di persone non autorizzate.

Il software può essere utilizzato anche in una rete locale se si ha necessità di condividere gli archivi fra più postazioni di lavoro. L'acquisto di una singola licenza autorizza l'utente ad installare il software su tutte le macchine di sua proprietà.

Gestione Manutenzione Caldaie funziona anche su chiavetta USB. Il software dispone di una funzione di installazione guidata affinché l'utente possa creare automaticamente le icone per l'avvio del programma e per la sua disinstallazione. Una volta installato il software, è comunque possibile copiare su pen-drive la cartella di Gestione Manutenzione Caldaie presente sul disco fisso e ciò consentirà di utilizzare il programma senza installazione, semplicemente lanciando l'eseguibile (file Caldaie.exe).

Gestione Manutenzione Caldaie è quindi lo strumento ideale per le ditte che vogliono avvalersi del proprio computer per eseguire i propri interventi di installazione e di manutenzione degli impianti termici e non dimenticare mai le scadenze e gli appuntamenti con i propri clienti. L'utente rimarrà piacevolmente sorpreso nel constatare come il software richieda tempi di apprendimento praticamente nulli.

Come acquistare il software


Gestione Manutenzione Caldaie 3.0 è concesso in licenza d'uso al prezzo di euro 249,00 (duecentoquarantanove/00) IVA inclusa. Per le spese di spedizione del CD tramite raccomandata, aggiungere euro 10,00 (dieci/00). Nessuna spesa di spedizione è dovuta se si preferisce scaricare il software e la fattura da Internet.

Gli utenti che acquistano il software riceveranno il CD originale, provvisto di regolare contrassegno SIAE, unitamente alla licenza d'uso e alla fattura. L'acquisto di una sola licenza autorizza l'utente ad installare il software su tutti i computer di sua proprietà.

Pagamento da effettuarsi tramite bonifico bancario: Banca UniCredit - Agenzia di Ponte San Giovanni PG - IBAN: IT 71 J 02008 03050 000101867373 - C/C n. 000101867373 - ABI: 02008 - CAB: 03050 - CIN: J - Intestatario: CAPUTO MARIA GRAZIA (titolare della ditta ESPOSITO SOFTWARE). Indicare il nome del software nella causale del bonifico.

Inviare una e-mail all'autore all'indirizzo info@espositosoftware.it allegando una copia della ricevuta di versamento.

Per l'intestazione della fattura, comunicare i propri dati completi di codice fiscale e di eventuale partita IVA tramite e-mail (
info@espositosoftware.it) oppure per telefono chiamando l'autore dalle ore 09:00 alle ore 20:00 dal lunedì al sabato (tel. rete fissa: 07.55.99.66.55 - tel. cell. 393.61.62.629)


Download software

Preleva programma
Scarica Gestione Manutenzione Caldaie 3.0 sul tuo PC

Download gestione_manutenzione_caldaie.zip (6,67 MB)



Questo software è compatibile con tutti i sistemi Microsoft Windows a 32 e 64 bit


© Copyright Esposito Software
di Maria Grazia Caputo
Tel. 07.55.99.66.55 - Cel. 393.61.62.629 - E-mail:
info@espositosoftware.it

www.espositosoftware.it

Fare clic qui per tornare all'indice dei programmi